Le balene in Costa Rica

Le balene in Costa Rica: come nei documentari

Una barchetta sulle sponde dell’oceano Pacifico e un capitano: così è iniziata quella che ad oggi rimane una delle esperienze più incredibili della nostra vita… avvistare le balene in Costa Rica.

Erano i primi di Settembre e ci trovavamo a Drake Bay, un piccolo villaggio alle porte del Corcovado, uno dei parchi nazionali del Costa Rica. Sapevamo di essere nel posto giusto e al momento giusto per sperare di trovarci faccia a faccia con uno degli esseri più grandi del pianeta.

Potevamo perderci questa occasione? Assolutamente no. 

Più avanti troverai quando e dove è possibile avvistare le balene in Costa Rica.

Pinna dorsale

Pinna dorsale

Giulia che scruta l'orizzonte

Giulia che scruta l’orizzonte

Trova la barca

Ci sono vari tour operator che organizzano gite in barca alla ricerca delle balene e di altri animali spettacolari che popolano quelle acque, ma noi volevamo qualcosa di speciale.

Volevamo avere la certezza di vivere questa esperienza e di viverla a modo nostro.

Alloggiavamo in una stanza deliziosa presso “Jade Mar Lodge Cabins” e grazie alla gentilezza del proprietario siamo riusciti a metterci in contatto con un capitano, proprietario di una piccola imbarcazione.

Ci siamo accordati per l’orario e per la durata di tre ore di gita.

Si parte!

Reflex alla mano e il cuore a duemila.

Siamo solo io, Valerio e il capitano, il che rende l’esperienza ancora più magica. Saliamo in barca senza una chiara meta, direzione “in mezzo all’oceano” e questo ci basta.

Scambiamo qualche parola con il capitano: è nato e cresciuto a Drake Bay e ci conferma che in quel periodo c’è più probabilità di avvistare le balene, che arrivano nella baia per riprodursi. Tuttavia, precisa che la certezza dell’incontro, chiaramente, non c’è mai.

Ci informa anche che a breve arriverà un temporale: il cielo è limpido, come diavolo fa a saperlo?

Passiamo la prima oretta tra chiacchiere, sole e occhi puntati nell’acqua alla ricerca dei giganti marini. Presto riusciamo a vedere qualche delfino, una razza che salta almeno un metro fuori dall’acqua (ma allora sono vere le cose che si vedono nei documentari!), uccelli che più che uccelli sembrano dinosauri e pesci giganti in superficie.

Il capitano ad un certo punto si ferma e allunga la mano nell’acqua per accarezzare uno di questi pesci. Sì, accarezzare.

Pinne di una madre e del suo piccolo

Pinne di una madre e del suo piccolo

Finalmente le balene!

All’improvviso il capitano accelera e punta una direzione, senza dire una parola.

Io e Valerio ci guardiamo un pò spiazzati, cosa avrà visto?

Da veri esperti di Whale Watching, per quanto ci impegniamo, non vediamo assolutamente nulla.

Rallenta, indica, Ballena! Ballena! Eccola.

Siamo vicinissimi, ad un paio di metri e spunta la pinna dorsale.

Ci è subito chiaro che nessuna immagine, nessun documentario, niente di niente rende giustizia all’immensità di questi mammiferi.

Ci passa vicina, ma fermi tutti: c’è qualcun altro lì sotto!

Una pinna più piccina fiancheggia la balena più grande. È il suo cucciolo!

Mamma e figlio sono lì a pochi metri da noi, immensi e bellissimi. Impossibile per me trattenere le lacrime di commozione. 

E non è finita.

SCARICA LA GUIDA GRATUITA PER L'ISOLAMENTO TERMICO DEL TUO FURGONE O CAMPER

Iscriviti alla Mailing list di JustMolla.it e riceverai tanti CONTENUTI SPECIALI tra cui la guida per l'isolamento del camper.


Dall’acqua provengono strani suoni: c’è anche un maschio adulto.

Assistiamo a una delle fasi di corteggiamento.

Le balene cominciano a saltare fuori dall’acqua per riatterrare e sparire nel blu. In un minuto ci ritroviamo tra pinne, schizzi d’acqua, strida e altri rumori complessi. Non riusciamo a credere ai nostri occhi. E alle nostre orecchie!

Il capitano nonostante sia avvezzo a situazioni di questo tipo non riesce a mascherare la sua gioia. Fa video e foto con il cellulare che vuole assolutamente mostrare alla figlia.

Poco distante spuntano altre pinne ed altre code fuori dall’acqua. Sono cinque, forse sei in tutto.

Il posto è perfetto.

Il momento è perfetto.

La situazione è perfetta.

Ci risulta difficile immaginare uno scenario migliore.

Un faccione dell'oceano

Un faccione dell’oceano

Valerio in barca

Valerio in barca

La tempesta tropicale in barca

Lo spettacolo dura circa un’ora, fino a quando le balene si immergono nell’oceano per riemergere troppo lontane da noi.

E la tempesta si avvicina: lo aveva detto il capitano!

Ci rimettiamo in marcia per raggiungere il prima possibile la terra ferma. Il capitano ci suggerisce di coprire lo zaino con una busta di plastica e di tenerci forte. Mai consiglio si rivela più apprezzato.

In un attimo l’oceano inizia ad ingrossarsi e quintali di acqua cominciano a pioverci in testa. 

Passiamo l’ora del rientro travolti da una tipica tempesta tropicale. 

Chi è stato da queste parti, sa di cosa sto parlando.

Arriviamo sani e salvi alla riva, ringraziamo il capitano e ci incamminiamo verso la nostra piccola palafitta, totalmente zuppi ma mai stati più contenti di esserlo.

Quando e dove avvistare le balene in Costa Rica

Se avete intenzione di andare in Costa Rica o siete già da quelle parti, non potete perdere l’occasione di vivere questa esperienza unica.

È possibile avvistare le balene in Costa Rica durante quasi tutto l’anno.

Tra Luglio e Ottobre ci sono famiglie di balene megattere che migrano dalle zone dell’Antartide per raggiungere le calde acque dell’oceano Pacifico. Mentre tra Dicembre e Marzo a popolare le acque ci sono le balene provenienti dal Nord Atlantico e dalla California.

In pratica le balene da entrambi gli emisferi migrano in Costa Rica all’inizio dei rispettivi inverni e fanno ritorno a casa con l’estate.

La temperatura dell’acqua e l’abbondanza di cibo fanno sì che le balene trovino una situazione ottimale per partorire e riprodursi.

A seconda del periodo è possibile avvistare le balene su tutto il versante pacifico del Costa Rica ma le possibilità aumentano notevolmente nel tratto compreso tra Manuel Antonio e la penisola di Osa.

Uno dei siti più famosi per poter avvistare le balene in Costa Rica è nel Parco Nazionale Marino Ballena, di fronte alla cittadina Uvita. Durante la bassa marea dalla costa emerge un istmo a forma di coda di balena.

Incredibile no?! Noi lo abbiamo visto dal minuscolo aeroplano che abbiamo preso a Drake Bay durante il tragitto per il Tortughero.

Ma perché eravamo a Drake Bay?

Te lo spiego subito.

Avevamo in mente di visitare il parco nazionale del Corcovado, considerato uno dei luoghi biologicamente più ricchi del pianeta. È possibile accedere al parco esclusivamente tramite tour organizzati o con una guida del luogo e le escursioni partono da Puerto Jiménez o da Drake Bay.

Siccome non ci piacciono le cose troppo semplici, abbiamo deciso di fare un viaggio estenuante e raggiungere Drake Bay, un villaggetto selvaggio che tra le altre cose offre la più lunga stagione di whale watching nel mondo.

Soffio di balena

Soffio di balena

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *