Storia e modelli del furgone Fiat Ducato

Storia del furgone Fiat Ducato: dal primo all’ultimo modello.

Il furgone Fiat Ducato è uno dei più noti e diffusi veicoli in tutto il mondo. Ma quanti conoscono la storia del Ducato?

Come ben sai, siamo possessori di un fantastico Ducato del ’99 acquistato in Germania (se non lo sai vai subito a leggere di quando lo abbiamo acquistato).

Più che possessori è lui che ci possiede e ci succhia la maggior parte del nostro tempo libero per la conversione a camper 🙂

Mi affascinava studiare i vari modelli e l’evoluzione storica della produzione. In maniera molto semplice, senza entrare troppo nel dettaglio di tutte le motorizzazioni…per quello c’è Wikipedia.

In questo articolo farò un pò di chiarezza sui vari modelli e soprattutto sulla loro denominazione.

Sono andato a cercare informazioni su siti italiani, inglesi ma soprattutto…tedeschi!!!

Non ci crederai ma parlano più di furgone Fiat Ducato in Germania che in Italia!

Bah!

Alla fine dell’articolo ho riportato anche dei manuali di officina. Ti potrebbero far comodo se devi fare delle semplici riparazione fai da te sul van.

Qui sotto trovi una lista dei vari paragrafi se vuoi consultare velocemente un modello in particolare:

Denominazioni e sigle del furgone Fiat Ducato

Prima di parlarti delle varie versioni di Ducato lascia che ti pieghi le sigle dei modelli. Per fare chiarezza su questo argomento mi ci è voluta una vita. Ho chiesto aiuto su forum stranieri, soprattutto tedeschi.

Allora iniziamo:

Ci sono due tipi di denominazioni e sigle che accompagnano i modelli del furgone Fiat Ducato:

  • Numero di versione (Mark o Mk)
  • Codice di progetto

La prima denominazione è tipica della realtà industriale quando si vuole identificare una versione di un certo prodotto. Il primo modello di Ducato, non a caso, è noto come Mark I, la seconda versione come Mark II e via dicendo.

Questa denominazione non è molto specifica e non si riesce ad identificare esattamente un modello in particolare.

La seconda denominazione invece rappresenta il codice del progetto interno a cui hanno lavorato gli ingegneri in casa SEVEL (la società, partecipata al 50% da Fiat, che produce il Ducato).

Ti spiego cosa significa la sigla del Ducato x2/30:

  • la prima lettera “x” indica il nome del progetto;
  • il numero 2, che segue subito dopo, indica che si tratta di un veicolo commerciale;
  • gli ultimi due numeri indicano il numero seriale del modello.

Solitamente questa sigla viene abbreviata ed il nome ufficiale del progetto Fiat x2/30 diventa semplicemente il Ducato x230 (o a volte solo 230).

Se possiedi un furgone Fiat Ducato x230 il numero del telaio dovrebbe iniziare con ZFA230…

ZFA è il codice che identifica la Fiat mentre 230 è la sigla abbreviata del progetto tecnico.

Ora conosci a grandi linee come e perché si distinguono i vari modelli di Ducato ma…

come al solito ci sono delle eccezioni.

Codice del modello Fiat Ducato nel numero di telaio

Codice del modello Fiat Ducato nel numero di telaio

Prima serie: Fiat Ducato “Mark I” (1981 – 1993)

La progettazione del Ducato inizia negli anni ’70 dalla Società Europea Veicoli Leggeri (SEVEL) nell’impianto di produzione ad Atessa, in Abruzzo. La SEVEL è una joint venture tra Fiat e PSA Peugeot Citroën.

Ma che significa?

Significa che dallo stessa linea di produzione escono tre furgoni praticamente identici ma venduti dalle tre diverse case automobilistiche.

–> Fiat Ducato 280 (1981 – 1990)

Il primo modello di furgone Fiat Ducato (Mark I appunto) è commercializzato nel 1981. Assieme a lui vengono prodotti anche i furgoni Citroën C25 e Peugeot J5. Nel Regno Unito invece il Ducato viene commercializzato come Talbot Express.

Questo modello di Ducato è anche noto come Ducato 280.

Aspetta, aspetta, aspetta…

purtroppo quello che ti ho detto sulle denominazioni dei Ducato non si applica per questo modello.

Perché?

Il numero di progetto del Ducato 280 è in realtà x2/12quindi si sarebbe dovuto chiamare Ducato 212?

Non ho ancora capito perché in gergo venga chiamato Ducato 280 ma dalla seconda generazione di Ducato il codice del progetto rispetta veramente il modello di furgone.

Furgone Fiat Ducato 280 (credits Il Vecio Vanlife)

Furgone Fiat Ducato 280 (credits Il Vecio Vanlife)

–> Fiat Ducato 290 (1990 – 1993)

Nel 1990 vengono apportate alcune migliorie alla trasmissione e agli interni. In particolare viene migliorata l’apertura dei finestrini per una maggior visibilità.

Questo modello è noto come Ducato 290 (ancora non rispecchia il vero numero di progetto). Forse c’entra qualcosa l’anno di produzione? Bah.

Furgone Fiat Ducato 290

Furgone Fiat Ducato 290

Seconda serie: Fiat Ducato “Mark II” (1994 – 2006)

Nel 1994 inizia la produzione della seconda versione del Ducato (Mark II).

Peugeot e Citroën seguono il cambiamento introducendo i modelli Boxer e Jumper.

Considera sempre che questi modelli (Ducato, Boxer e Jumper) sono praticamente identici a meno di qualche dettaglio nell’allestimento o nella motorizzazione.

Se stai cercando pezzi usati per un Ducato dai un’occhiata anche ai fratelli Boxer e Jumper 😉

–> Fiat Ducato x230 (1994 – 2002)

Il progetto tecnico del Ducato MkII è indicato con x2/30…da qui la sigla Ducato x230. Il nostro van è un modello x230 ed infatti il numero di telaio inizia con ZFA230…

Il furgone Fiat Ducato x230 è stato il vincitore del “Van of the Year” nel 1994 e riconosciuto come il miglior furgone dell’anno.

Nel 1999 subisce un lieve restyling estetico e alcuni cambiamenti nelle motorizzazioni, ma ufficialmente mantiene lo stesso nome.

Furgone Fiat Ducato x230, il nostro piccolino :)

Furgone Fiat Ducato x230, il nostro piccolino 🙂

–> Fiat Ducato x244 (2002 – 2006)

Nel 2002 avviene un altro grande restyling. Questi modelli sono noti come Mark II restyling o x244.

Una differenza sostanziale sta nel cambio di velocità che ora presenta la retromarcia in alto a sinistra (vicino la prima).

SCARICA LA GUIDA GRATUITA PER L'ISOLAMENTO TERMICO DEL TUO FURGONE O CAMPER

Guida isolamento termico ebook Iscriviti alla Mailing list e riceverai tanti CONTENUTI SPECIALI tra cui la guida per l'isolamento del camper.


Il peso totale a terra omologato è inferiore alle 3.5 tonnellate. Significa che può essere guidato anche dai soli possessori di patente di guida di categoria B.

Furgone Fiat Ducato x244

Furgone Fiat Ducato x244

Terza serie: Fiat Ducato “Mark III” (2006 – 2014)

Dal 2006 inizia la produzione della terza versione del furgone Fiat Ducato.

Molte innovazioni tecnologiche sono ora integrate nel furgone come ESP (controllo elettronico della stabilità), EBD (ripartitore di frenata) e ASR (controllo della trazione).

Non si tratta più del vecchio furgone anni ’80. Siamo completamente entrati nell’era elettronica e digitale. Il cruscotto e l’arredamento interno è stato completamente rinnovato.

Insomma, un furgone moderno 🙂

–> Fiat Ducato x250 (2006 – 2014)

Fino al 2014 la terza generazione è anche nota come Ducato x250. Questa è la denominazione ufficiale del modello e del progetto.

In ambito di vendita però appare anche il modello Ducato x251 che corrisponde al modello Maxi con capacità di carico fino a 4 tonnellate.

Il modello Maxi (x251) non è più guidabile con la sola patente B, ma necessita della patente tipo C per autocarri.

Nel 2011 vengono apportate piccole migliorie al motore: consumi ridotti e omologazione Euro 5.

Furgone Fiat Ducato x250

Furgone Fiat Ducato x250

–> Ram ProMaster

Nel 2013 inizia la produzione del Ducato per il mercato nord americano in uno stabilimento in Messico. Il modello è noto come Ram ProMaster, ma si basa interamente sul progetto del Fiat Ducato x250. Le differenze sostanziali riguardano la motorizzazione e le modifiche per le normative del mercato USA.

Potevano gli americani farsi bastare un misero motore diesel?

Certo che NO!

Il ProMaster monta un motore V6 da 3.600 cc con 280 cavalli e una trasmissione automatica a 6 marce 🙂 Mica male eh!!

–> Fiat Ducato x290 (2014 – 2018)

Nel 2014 arriva l’ultimo modello ad oggi in commercio, il Mark III restyling (anche noto come “Facelift”) e chiamato tecnicamente furgone Fiat Ducato x290.

Eh già hai letto bene…x290.

Ora immagina per un momento la riunione fatta in SEVEL con tutti i manager e gli ingegneri.

Il nuovo restyling è ormai pronto manca solo un codice, una semplice sigla per identificarlo. Si alza il responsabile marketing dalla sedie e scartabellando tra fogli e appunti, con aria stanca ma soddisfatta, esclama:”Ce l’ho! Lo chiameremo x290″. E tutti via a battere le mani dall’eccitazione.

Tra tutti gli infiniti numeri sono andanti a sceglierne uno che avevano già usato 25 anni prima.

Evviva l’originalità 🙂

Diverse persone mi hanno però comunicato che questa sigla non si rispecchia nel numero di telaio, dove rimane invece la dicitura iniziale ZFA250. Anche questa versione presenta un versione “pesante” (Heavy Duty) chiamata Ducato x295.

Dall’autunno 2016 viene equipaggiato con motore Euro 6 per rispettare le normative anti inquinamento.

Furgone Fiat Ducato x290

Furgone Fiat Ducato x290

Fiat Ducato nel mondo

Come ti ho raccontato il Ducato veniva e viene prodotto in Italia nello stabilimento di SEVEL Sud in Abruzzo, presso la città di Atessa.

Già, SEVEL “Sud”. Perché esiste anche una SEVEL Nord in Francia, e anche li è stato prodotto il Ducato. Almeno fino al 2015. Poi la Fiat ha ceduto le sue quote interamente a PSA Peugeot Citroën e non viene più prodotto in quello stabilimento.

Ti ho anche raccontato che il Ram Promaster viene costruito in Messico, presso la città di Saltillo.

Forse però non sai che viene anche assemblato in Brasile (presso Sete Lagoas) per il mercato del sud America, in Russia (presso Elabuga) ed in Turchia (presso Bursa).

L’aspetto affascinante è che tutti i componenti provengono dallo stabilimento di SEVEL Sud in Abruzzo.

WoW, orgoglio italiano alle stelle 🙂

Ambulanza su base di Fiat Ducato x250

Ambulanza su base di Fiat Ducato x250

Ambulanze, bus e camper

Il furgone Fiat Ducato è stato da subito uno dei mezzi di riferimento per qualsiasi tipo di applicazione. Furgoni della polizia, pulminiambulanze e van dei vigili del fuoco sono tra i più diffusi. Questi mezzi posso avere delle caratteristiche diverse dal classico design, ad esempio batterie maggiorate o sospensioni rinforzate e ovviamente allestimento interno completamente rivisto.

Il van che stiamo camperizzando era in origine un mezzo dei vigili del fuoco in Germania…con tanto di antenna e sirena 🙂

Il Ducato costituisce infine la base di partenza di moltissimi camper.

I camper su base Ducato sono prodotti sia direttamente dalla Fiat sia da altre ditte specializzate in camperizzazioni. Riporto le maggiori aziende che usano il Ducato come veicolo di base per la realizzazione di camper:

Camper Ducato Roadscout della Globecar (credits Yari Ghidone)

Camper Ducato Roadscout della Globecar (credits Yari Ghidone)

Manuali di officina

Trovare dei buoni manuali di officina per i furgoni Ducato non è affatto facile. Ho cercato come un matto per mesi ma non sono riuscito a trovare un manuale veramente soddisfacente.

Alla fine ho acquistato un piccolo libro per il modello Ducato x230. Il manuale è in inglese e molto compatto.

Mi sarebbe piaciuto avere molti più schemi tecnici soprattutto dell’impianto elettrico. Tuttavia, devo dire che durante i lavori meccanici che abbiamo effettuato come la sostituzione delle candelette e del radiatore interno, avere un manuale di riferimento è stato molto comodo.

Come già ti ho raccontato i crucchi sono molto più ferrati sul Ducato. La maggior parte dei manuali sono in tedesco per la primaseconda e terza (questo in francese) versione del van.

Manuale di officina inglese del furgone Fiat Ducato

Manuale di officina inglese del furgone Fiat Ducato

Ti è piaciuto questo articolo?

Questa è la storia del furgone Fiat Ducato fino al 2018…o almeno tutte le informazioni che sono riuscito a recuperare.

Ti è piaciuto questo articolo?

Ti piacerebbe se ti raccontassi la storia di altri van e furgoni famosi? 

Fammi sapere cosa ne pensi e se anche tu possiedi un Ducato condividi nei commenti qui sotto il tuo modello e la sigla riportata nel tuo numero di telaio.

PS: ringrazio Max (di “Il Vecio Vanlife”) e Yari (di “Yari Ghidone Photography”) per aver condiviso una foto del loro Ducato 😉 . Thanks guys.